Trial gratuito

1 gennaio 2018

L’Italia del cibo: i numeri del M&A

La zampata di Ferrero, che ha rilevato il segmento dolci della Nestlé negli Usa, è stata salutata come una boccata d’ossigeno da chi teme che il made in Italy alimentare sia sempre più preda degli investitori stranieri. Nell’anno del cibo italiano nel mondo i nostri marchi sono dunque diventati predatori?

L’operazione Ferrero pesa parecchio sulla bilancia, tra barrette Butterfinger e caramelle weeTarts ci sono voluti 2,8 miliardi di euro. Ma se guardiamo agli ultimi tre anni delle operazioni di M&A in Italia nel segmento

alimentare, non c’è storia: la bilancia pende vistosamente dal lato delle uscite. Tra il 2015 e il 2017 gli investitori stranieri hanno rilevato i marchi dell’alimentare italiano per oltre di 5,4 miliardi. mentre lo shopping oltreconfine delle aziende italiane del settore è stato di soli 360 milioni. Un quindicesimo.I calcoli arrivano dagli esperti della banca dati Bureau Van Dijk, che hanno mappato tutte le acquisizioni – di maggioranza, di minoranza e aumenti di capitale – condotte in Italia con oggetto le imprese del segmento alimentari e bevande. L’effetto Expo – anche il 2015 è stato un anno di riflettori puntati sul cibo made in Italy – si è fatto sentire: nel 2016 lo shopping straniero di marchi alimentari italiani ha superato i 3,2 miliardi, il doppio rispetto agli 1,5 totalizzati nel 2017 e ai 600 milioni del 2015. Il 2016 è stato anche l’anno della maggiore operazione realizzata nel triennio, l’acquisizione della birra Peroni da parte della giapponese Asahi per 2,55 miliardi di euro.

Articolo di Micaela Cappellini IlSole24Ore

Avere delle certezze nel business è tanto importante quanto difficile. Il volume dei dati è in continuo aumento, ma è sempre più difficile estrarne valore.

Raccogliamo ed elaboriamo le informazioni societarie per ottimizzare i processi decisionali.

 

 

Le nostre soluzioni sono ideate per supportare nella gestione di problematiche specifiche e per semplificare i processi. Molti dei nostri clienti utilizzano le nostre informazioni integrandole con i propri dati interni per ottenere una visione più completa del business e della sua rischiosità.

Il nostro approccio si basa su fonti ufficiali e verificate.
Welcome to the business of certainty.